Nasce a Milano il 6 luglio 1801 “in una casetta posta Giò del pont de San Cels, vers el daziett,a man drizza” vale a dire “al cavo Vettabbia N. 3713.
Qui abitava suo padre Raffaele (orologiaio), sposato nella Chiesa di S.Eustorgio il 13 germile dell’anno VII repubblicano (= aprile 1801) con Maddalena Bassi, domiciliata in Cittadella N. 3672.
Nonni del poeta furono Pietro Ventura (ortolano) con Isabella Borgonuovo e Giovanni Bassi (mercante) con Maria Serazzi”.

 

Appassionato di arte drammatica, fa un tirocinio di 5 anni presso l’Accademia Filodrammatica, sorta dopo il Teatro Patriottico,  uscendone a 18 anni come artista drammatico.
Inizia così la sua carriera in salita nel teatro, non trascurando peraltro i suoi sentimenti patriottici.
Abbandona le scene 1852, ma nel 1859, rientrato a Milano, assume la direzione dell’Accademia dei Filodrammatici e riprende la professione con arte e intelligenza.
Scrive sì poesie in vernacolo (Porta, Maggi e Grossi sono i suoi maestri più vicini) ma anche opere teatrali.
Muore il 19 gennaio 1869 dimenticato da lettori, giornali ecc., nonostante la grande fama che ebbe in vita, e la sua salma fu tumulata, come da suo desiderio, nello scomparso cimitero del Gentilino.
Opere in vernacolo
1840   Carl Ambroeus – versi milanesi
1859   Poesie milanesi ed italiane – Raccolta ristampata da F. Vallardi nel 1875

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: