Ingegnere, si occupava di assicurazioni.
E’ stato vicedirettore della “Martinella”.
Intorno agli anni ’50 provò una gran voglia di scrivere in poesia (sua prima vocazione), perché aveva una grande sensibilità, soprattutto nei confronti della vita di tutti i giorni e dei suoi coinvolgimenti.
Focoso e ombroso di carattere, ma forse per timidezza. Sempre animato da una dignitosa e decorosa riservatezza, consapevole tuttavia delle proprie doti poetiche, pur non disinteressandosene visse sempre ai margini dei gruppi poetici dialettali milanesi.
La sua poesia e la grafia sono moderne, proprio come quelle di Luigi Guicciardi, suo buon amico. (Suo idolo era Delio Tessa) e lo stile viene definito intimistico, tipico della tradizione milanese (De Marchi, Praga, Giacosa), ma è anche quello dei nostri giorni, con una precisa dimensione storica.
Con Luigi Cazzetta e l’avvocato Ambrogio Maria Antonini ha partecipato alla fondazione del “Sciroeu di Poetta” e de L’Accademia del dialetto milanese.
 
Le sue opere:
PIANTA A MILAN
stampato a Roma nel 1959 (121 copie numerate) – con le poesie:
Camin – Pess d’or – Sol de ottober – Strada – Visita – Poledrinn – “Si c v os non vobis…” – Nott de cittaa – La bottega della speranza – La giostra – Gatt – Orghenin – Omber e sogn – Montagn – Circo – Luna – Cart – Pianta a Milan
 
EL CANCELL
stampato a Roma nel 1959 (180 copie numerate e firmate dall’autore) con le poesie:
Primavera – I zingher – L’orolocc – El cancell – Adree a nun duu – Favola – Colazion – Nivol – La breva – Dorma, Brianza – Vicenza di miracoi – Tegnom con tì – Nebbia – Dedree di stell – La messa di vegett – E se on dì – La resgiora dell’Alp – Diman… – Inverno
 
VALZER
stampato a Roma nel 1964 – con le poesie:
Gesa de primavera – Ragn – Farfalla – Aster – Sorgente – Mórós – Tenda – La nòtt di curett – Alleluja – Mazurca – Polca – Valzer – Galop – November – Notturno – La ca’di memòri
 
FUGA, 1977
 
SETTEMBER, 1983

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: