Ona stòria longa quarant’ànn, che si è conclusa alcuni anni fa (come lavoro) col conferimento della “Stella al merito” il 1° maggio 2008.
Sono nato in via Caravaggio e tutte le volte che passo di lì penso alla mia mamma che purtroppo è mancata a 81 anni.

 

S’cioppaa la guèrra, la mia mamma la m’ha mandaa a Vitton (Vittuone, paese con ben due fermate per il famoso Gamba de Lègn fino al 30 agosto 1957) a cà de la nònna in la Cassina San Carlo, bellissima ancamò adèss.
Io facevo la seconda elementare. Al segond bombardament che gh’è vegnuu a Milan, la mia mamma l’ha dii: «Nò, basta, via, via…l’ha ciappaa mì, la mia sorèlla e semm andaa da la nònna in campagna. Lì praticament emm finii i scòl elementar e  gh’era bisògn de lavorà…
Mì hoo minga  poduu tornà a Milan perché nel frattemp gh’era mòrt el papà…gh’hann bombardaa la cà.
La mia mamma era ospite da un’amica e andava avanti-indietro in bicicletta.
Allora ho cominciaa a lavorà in campagna. Mamma mia come el me piaseva! Infatti a Milan anca adèss gh’hoo l’òrt.
Poeu la mia mamma l’ha trovaa finalment de sistemass .
La stava in Largo Settimio Severo.
E allora son tornaa a Milan perché la mamma la conosseva on macellar ch’el stava in Piazza Napoli che ‘l m’ha ciappaa come garzon (gh’avevi dodes ann) e fasevi anca el garzon del cervellee che l’era lì taccaa. Servivom i operari de  la Cooperativa de vial Toscana.
Per  andà dal macellar dovevi traversà la cella del cervellee e quand passavi de lì el scior Nino el staccava on tocchèll de luganega e me la casciava in bocca.
Ma mì vorevi lavorà in officina e inscì gh’hoo avuu el primm librett.
El primm lavorà  hinn staa i portacener per la ferrovia. Poeu hoo faa el tornidor, el tollee…hoo frequentaa la scòla seral Santa Marta, perchè avevi capii che bisògnava conoss el disègn (6 anni e 2 licenze: progettista e disegnador di macchin).
A la fin son diventaa  on capp e sòtta de mì (26 ann) gh’eren 40 disegnador. Grazie anca a on poo de fortuna!
E, pussee tardi…Assistente del Direttore Tecnico.
Sono state tappe che mi hanno aiutato a crescere e a scrivere.
Adesso abito a Trezzano sul Naviglio e dal 7° piano dal mio balcone fiorito vedo la campagna che mi ha ispirato la poesia Dal mè poggioeu.
E Trezzan el m’ha anca ispiraa la poesia E numm gh’èmm el Navili
In Cors Vercelli gh’hoo avuu el primm sfràtt…m’hann mandaa a Bagg, sì propi la zòna del Pret de Ratanà, de l’Orghen e de la Cascina Linterno. E sui sfràtt hoo scritt la poesia El sfratt anca se sui cà de ringhera hann giamò scritt tucc.
Quand finalment sont andaa in pension, ho ciappaa ona bòna liquidazion. Avevi decis de fa ona crosera…
Vedi il resto nella mia poesia La liquidazion.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: