MAD HATTER
 

Sogno e realtà.

Miti e leggende.

E’ il viaggio creativo della contemporanea Alice che, in un urbano paese delle meraviglie, si civetta con l’effimero gioco della moda.

E se, per festeggiare un noncompleanno, si agghinda con frutti esotici, alla corte della regina di cuori perde la testa per il cappello di carte da gioco.

Tra usignoli smeraldo che si esibiscono in voli pindarici e la pigra civetta adagiata su trespoli gotici, Alice riscopre un mondo psichedelico.

Dove, imboccando il sentiero sbagliato, ci si imbatte in scheletri vanitosi che non rinunciano a vestirsi di piume di pavone.

I copricapi Mad Hatter, partoriti dalla fiabascentifica creatività di Cosimo Damato, sono proiezioni di una mente giocosa e irriverente.

Che vede il mondo attraverso gli occhi incantati di una donna senza fretta di crescere.

E che non può fare a meno di averne, sempre una per cappello.

 

    
 
  
   
  
  
  

Un pomeriggio di inverno mi sono incontrata con questo stilista al Caffè Gucci in galleria.Un poeta del colore e della fantasia.

Voglia di giocare e serietà professionale in un mix perfettamente bilanciato.

La simpatia travolgente e i modi pacati e solari, mi avevano completamente conquistata nello spazio temporale di un cappuccino!

Sono un’entusiasta della vita e venendo da una famiglia di artisti, non potevo che fare un omaggio al Cappellaio Matto!

Grazie per avermi regalato un sogno e fatto desiderare di non crescere mai!

A Cosimo con stima e affetto.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: